Fino a 30 ore di attesa al PS di Catania: Codacons presenta...

Fino a 30 ore di attesa al PS di Catania: Codacons presenta denuncia

0
30 ore di attesa

Il Codacons ha denunciato l’ospedale di Garibaldi di Catania, l’Asp e la Regione Sicilia per tortura. La causa? Fino a 30 ore di attesa al Pronto soccorso.

Sino a 30 ore di attesa per una visita in Pronto Soccorso. È ciò che accade all’ospedale Garibaldi di Catania, una vicenda che ha spinto l’associazione dei consumatori a presentare una denuncia nei confronti del nosocomio, dell’Asp e della Regione Sicilia per “tortura ai pazienti, violenza privata ed abbandono di persone incapaci“.

La decisione del Codacons sta facendo molto discutere, ma al contempo sono molte le proteste dei cittadini che lamentano i tempi infiniti per poter essere visitati.

Almeno 30 ore di attesa per una visita sembrano un tempo davvero insostenibile.

“Le interminabili attese, anche di 30 ore – afferma la nota del Codacons – al pronto soccorso dell’Azienda Ospedaliera Garibaldi, con persone letteralmente stipate nei tre ambulatori disponibili in un clima di crescente esasperazione degli accompagnatori, arrivati anche a chiamare le forze dell’ordine pur di essere considerati, finiscono sul tavolo del Procuratore della Repubblica di Catania”.

L’associazione dei consumatori, dopo aver ricevuto le testimonianze di diversi cittadini, tramite l’Avv. Carmelo Sardella, ha quindi presentato un esposto denuncia con la richiesta alla Procura di indagare Azienda Ospedaliera, ASP e Regione Siciliana.

Il Codacons, inoltre, ha richiesto un tempestivo intervento dell’Assessore regionale alla Sanità Siciliana Ruggero Razza e del Ministro Giulia Grillo.

“In un clima di forte esasperazione e di grande tensione sociale – conclude il Codacons – questi interminabili ed inaccettabili tempi di attesa al pronto soccorso, ci preoccupano anche per le possibili ripercussioni sull’ordine pubblico e sull’incolumità del personale medico e sanitario del pronto soccorso del Garibaldi”.

 

Leggi anche:

LARVE NEL BAGNO DEL PRONTO SOCCORSO: INTERVIENE IL CONSIGLIERE BORRELLI

RIFORMA DEL 118 IN PUGLIA, LA REGIONE AUSPICA CAMBIAMENTI RAPIDI

PUGLIA, 18 MESI PER TAC A PAZIENTE ONCOLOGICA. LORENZIN NOMINA UNA TASK FORCE

image_pdfSalva in pdfimage_printStampa

IL TUO COMMENTO E LA TUA STORIA

Scrivi il tuo commento o raccontaci la tua storia!