Apnee notturne: curarle dopo un’ischemia migliora ripresa dei pazienti

Apnee notturne: curarle dopo un’ischemia migliora ripresa dei pazienti

0
apnee notturne

Dopo un ictus o un’ischemia, trattare le apnee notturne migliorerebbe notevolmente la ripresa dei pazienti colpiti. A dirlo è uno studio statunitense

Una ricerca condotta dal Regenstrief Institute and Richard L. Rouedeush VA Medical Center di Indianapolis, ha analizzato i benefici che il trattamento delle apnee notturne ha su chi è stato colpito da ischemie o ictus.

Il team coordinato da Dawn M. Bravata ha studiato 252 adulti ospedalizzati per ictus ischemico o attacco ischemico transitorio (Tia).

Tutti i pazienti coinvolti, sono stati sottoposti a un test apposito che rivelava l’incidenza di apnee notturne.

Ebbene, circa tre quarti di loro ha mostrato di soffrirne.

Il disturbo del respiro del sonno creava disagi a molti di loro. Così, a circa due terzi dei pazienti che soffrivano di apnee notturne è stato insegnato come utilizzare la macchina per la Cpap.

Dopo averli “addestrati” a utilizzarla, sono stati incoraggiati a farne uso con costanza. Il restante terzo di pazienti ha avuto la funzione di gruppo di controllo e ha ricevuto i trattamenti medici standard.

Tutti i sintomi neurologici dei pazienti, così come la loro capacità di svolgere normali attività, come la deambulazione e l’auto-cura, sono stati valutati all’inizio dello studio e tra i sei e i dodici mesi.

Al follow-up, tutti i pazienti hanno mostrato un miglioramento notevole sia dei sintomi neurologici sia dello stato funzionale.

Quanto al 59% di chi che ha usato Cpap, questa percentuale ha fatto registrare punteggi neurologici quasi normali, contro il 38% dei controlli.

Secondo gli studiosi, dunque, tutte le evidenze hanno mostrato che prima si tratta l’apnea notturna, migliori saranno i risultati.

Tuttavia, questo tipo di trattamento è difficile per un ospedale, secondo Bravata.

Il nosocomio infatti, “dovrebbe riconfigurare i servizi per quanto riguarda i disturbi del sonno”.

“Credo che lo studio dica chiaramente che i pazienti con ictus e Tia dovrebbero ricevere test diagnostici precoci con studio del sonno. Se soffrono di apnea notturna dovrebbero essere trattati prima di lasciare l’ospedale”.

 

Leggi anche:

SMARTPHONE E TABLET, L’ESPOSIZIONE ALLA LUCE BLU RIDUCE IL SONNO

image_pdfSalva in pdfimage_printStampa

IL TUO COMMENTO E LA TUA STORIA

Scrivi il tuo commento o raccontaci la tua storia!