Assegno di ricollocazione al via per beneficiari Naspi da almeno 4 mesi

Assegno di ricollocazione al via per beneficiari Naspi da almeno 4 mesi

0
assegno di ricollocazione

Secondo le stime  potranno usufruire  dell’ assegno di ricollocazione almeno 60-70 mila persone all’anno

Il 14 maggio è entrato a regime, dopo un ritardo di natura tecnica, l’ assegno di ricollocazione. Lo comunica L’Anpal (Agenzia nazionale politiche attive del lavoro). Lo strumento, previsto nell’ambito della riforma del Jobs Act, ha l’obiettivo di aiutare i disoccupati a migliorare le possibilità di ricollocarsi nel mondo del lavoro.

La misura consiste in un voucher da utilizzare presso i soggetti che forniscono servizi di assistenza alla ricerca di lavoro. Essa consente dunque di ricevere un servizio di assistenza intensiva per la ricerca di occupazione.

Chi ottiene il buono può scegliere liberamente il Centro per l’impiego o l’agenzia per il lavoro accreditata da cui farsi assistere. Il beneficiario sarà quindi affiancato da un tutor in un programma personalizzato di ricerca per trovare nuove opportunità di impiego.

L’assegno al momento può essere richiesto da tutti coloro che siano beneficiari di Naspi da almeno quattro mesi.

L’importo varia da un minimo di 250 euro a un massimo di 5 mila euro, a seconda del tipo di contratto alla base del rapporto di lavoro e del grado di difficoltà per ricollocare la persona disoccupata.

La cifra viene riconosciuta al soggetto che eroga il servizio di assistenza alla ricollocazione, solo se la persona titolare dell’assegno trova lavoro. Le tipologie di contratto per le quali si riconosce l’esito occupazionale sono: il tempo indeterminato, compreso l’apprendistato e il tempo determinato, maggiore o uguale a 6 mesi (3 mesi per Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia).

Le modalità per accedere al beneficio sono due. Gli interessati possono fare richiesta direttamente nell’apposita sezione sul sito dell’Anpal, oppure dal 28 maggio ci si potrà rivolgere agli Istituti di Patronato convenzionati con l’Agenzia.

Secondo le stime  ministero del welfare potranno usufruire dello strumento almeno 60-70 mila persone all’anno. Il valore dell’assegno riservato ai percettori di Naspi si aggirerà in media tra i 3.000-3.500 euro.

 

Leggi anche:

BONUS GIOVANI E BONUS SUD: ECCO TUTTE LE NOVITÀ DALL’INPS

image_pdfSalva in pdfimage_printStampa

IL TUO COMMENTO E LA TUA STORIA

Scrivi il tuo commento o raccontaci la tua storia!