Bacino e fianchi, esercizi di mobilizzazione ed allungamento

Bacino e fianchi, esercizi di mobilizzazione ed allungamento

bacino

Attraverso il bacino passano, si ancorano ed originano una infinità di muscoli, la cui mobilizzazione è fondamentale in ogni programma di educazione motoria

Arriviamo oggi a trattare una regione del corpo che definisco abitualmente come la chiave di volta del nostro organismo: il bacino ed i fianchi.

La struttura scheletrica della pelvi è davvero complessa: tre ossa si uniscono per creare una metà, due metà danno un insieme se unite ad una terza parte.

Il bacino è formato da ala iliaca, osso ischiatico ed osso pubico; almeno per metà, infatti, abbiamo sia il lato destro che quello sinistro quindi… due di tutto. In più, se davanti le due ossa ischiatiche e le due pubiche si articolano direttamente tra loro dando stabilità anteriore, posteriormente le ossa iliache non si uniscono direttamente ma si congiungono ad un osso particolare: l’osso sacro.

Questa articolata descrizione anatomica però ci serve solo per capire che il bacino è il crocevia funzionale tra il tronco munito degli arti superiori e gli arti inferiori. Quindi attraverso il bacino passano, si ancorano ed originano una infinità di muscoli. Tanti muscoli… tanti possibili dolori!

Ecco perché esercizi di mobilizzazione ed allungamento per i maggiori gruppi muscolari del bacino sono fondamentali in ogni programma di educazione motoria.

Quindi vediamo i primi due esercizi di questa nuova mini serie.

Esercizio 39 –  L’abbraccio del ginocchio

Siediti a terra con gli arti inferiori distesi e vicini tra loro. A questo punto piega il ginocchio destro e poggia a terra il piede destro all’esterno del ginocchio sinistro. Le tue gambe quindi saranno incrociate, la destra piegata e la sinistra distesa.

Afferra il ginocchio destro con entrambe gli arti superiori come in un abbraccio e trazionalo un poco verso il petto. Mantieni questa posizione per 40 secondi e poi esegui dal lato opposto.

In questo esercizio i gruppi muscolari maggiormente interessati sono il grande gluteo, il semimembranoso, il semitendinoso ed il bicipite femorale.

Esercizio 40 – Torsione del bacino

Distenditi a terra con la schiena adagiata al pavimento. Porta le braccia in fuori all’altezza delle spalle e fletti il ginocchio destro, portalo verso il tronco e ruota sia il ginocchio che il bacino verso sinistra il più possibile. Afferra quindi il ginocchio destro con la mano sinistra trazionalo verso il tronco ed abbassandolo verso il pavimento. Conta fino a 40 e poi esegui dal lato opposto.

In questo esercizio i gruppi muscolari maggiormente interessati sono il grande gluteo, il semimembranoso, il semitendinoso ed il bicipite femorale.

Dr. Paolo Scannavini

pscannavini@gmail.com

Fisioterapista e Kinesiologo

Responsabile Fisiolistic

 

Leggi anche:

GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA, PREVENZIONE SI BASA SU BUONA POSTURA

image_pdfSalva in pdfimage_printStampa

IL TUO COMMENTO E LA TUA STORIA

Scrivi il tuo commento o raccontaci la tua storia!