Bonus asilo nido, fino al 2021 salirà a 1500 euro

Bonus asilo nido, fino al 2021 salirà a 1500 euro

0
bonus asilo nido

Un emendamento alla Manovra prevede l’incremento del bonus asilo nido introdotto per tutti i bambini nati dopo il 1 gennaio 2016

Il bonus asilo nido sale a 1500 euro, ma solo per il triennio 2019-2021. Successivamente ritornerà a quota mille euro. E’ quanto prevede un emendamento alla Manovra 2019 che riformula una proposta della Lega.

La misura rientra nell’ambito degli interventi normativi a sostegno del reddito delle famiglie. E’ stata introdotta con la legge n. 232/2016. La norma prevede che ai figli nati dal 1° gennaio 2016 spetti un contributo di massimo 1.000 euro, per il pagamento di rette per la frequenza di asili nido pubblici e privati. Stessa cifra anche le forme di assistenza domiciliare in favore di bambini con meno di tre anni affetti da gravi patologie croniche.

Il premio è corrisposto direttamente dall’INPS su domanda del genitore. L’agevolazione viene erogata con cadenza mensile, parametrando l’importo massimo di 1.000 euro su 11 mensilità, per un importo mensile massimo di 90,91 euro.

Le rette devono essere pagate e documentate.

A tal fine, per agevolare i genitori nella trasmissione della ricevuta. L’Inps ha messo a disposizione degli utenti un servizio mobile che semplifica notevolmente il processo. Grazie a una funzionalità innovativa integrata nell’App Inps Mobile è possibile infatti allegare una semplice fotografia dell’attestazione di pagamento dell’asilo tramite smartphone o tablet.

Per quanto concerne le forme di supporto presso la propria abitazione il bonus viene erogato  a seguito di presentazione di un attestato rilasciato dal pediatra. Il certificato deve attestare, per l’intero anno di riferimento, “l’impossibilità del bambino a frequentare gli asili nido in ragione di una grave patologia cronica”. In tali casi l’Inps eroga il bonus di 1.000 euro in un’unica soluzione direttamente al genitore richiedente.

L’emendamento alla Legge di Bilancio che prevede l’incremento del contributo a quota 1500 euro passa ora al vaglio della commissione Bilancio di Montecitorio. In caso di approvazione saranno diffuse le nuove indicazioni operative per usufruirne.

 

Leggi anche:

BONUS BEBÈ, DAL 2019 +20% PER IL SECONDO FIGLIO

image_pdfSalva in pdfimage_printStampa

IL TUO COMMENTO E LA TUA STORIA

Scrivi il tuo commento o raccontaci la tua storia!