Gli SOS dei nostri lettori

Gli SOS dei nostri lettori

Odontoiatria

Le domande dei nostri lettori e le risposte dei nostri esperti dedicati ai casi di odontoiatria e ortodonzia

Ho contratto epatite C dopo trasfusione di sangue, ho ottenuto indennizzo di 700 euro al mese ma non il risarcimento del danno. L’art. 702 bis mi può aiutare?

Emostrasfuso con sangue infetto da epatite C. Attualmente ho ottenuto l’indennizzo mensile di circa 700 euro. Ho chiesto il risarcimento danni e il giudice a cui sono stato assegnato sta portando alle lunghe la causa risarcitoria, dato che da epatite C ormai è necessario il trapianto del fegato perché vari epatocarcinoma (6) hanno invaso l’organo, se si continua a rimandare non credo che avrò la possibilità di godere del risarcimento.

Faccio presente che è stato accertato il nesso avendo la cartella clinica con il numero identificativo delle sacche e al controllo sono risultati i donatori positivi. L’articolo 702 bis da voi citato può essermi di aiuto?

Grazie

 


Gentile lettore, mi pare di capire che vi sia un ordinario giudizio in corso. In questo caso non può instaurarsi un autonomo procedimento ex art. 702 bis, poiché non vi possono essere pendenti due giudizi aventi identico oggetto fra le medesime parti. Le consiglierei una difesa più attiva dove con istanze motivate e, se serve, reiterate, si faccia marciare più speditamente il giudice.

In caso di ulteriori necessità siamo a Sua completa disposizione.

Avv. Gianluca Mari

Comment on this FAQ

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarito da epatite C dopo trent’anni grazie a nuovo farmaco. Godo di indennizzo ex legge 210/92, continuerò a prenderlo?

Buongiorno, godo di indennizzo ex legge 210/92. Grazie ad una nuova terapia, sono appena guarito dopo trent’anni dall’epatite C. Vorrei sapere se continuerò a prendere il vitalizio bimestrale e se comunque devo in qualche modo far sapere agli organi competenti (non so come o chi) della mia guarigione.

Non solo: per altra patologia sono invalido civile del lavoro al 90%, e sul verbale della commissione medica, a suo tempo, fu aggiunta oltre alla patologia esistente dalla nascita, anche l’epatite C. Se confermata la guarigione, devo far la revisione per cancellare la seconda patologia dell’epatite attraverso una nuova visita alla commissione medica dell’Asl locale?

Grazie per la risposta.


Gentile lettore, il suo quesito è molto opportuno ed acuto. Ho consultato anche i referenti regionali e i responsabili EPAC che mi hanno confermato che si tratta di un diritto acquisito e quindi in base alle attuali normative inalienabile, salvo eventuali modifiche legislative in futuro, peraltro del tutto improbabile.

Claudio Puoti

Comment on this FAQ

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Load More

Infezioni

Le domande e le risposte dei nostri esperti dedicati ai casi di odontoiatria e ortodonzia

Ho contratto epatite C dopo trasfusione di sangue, ho ottenuto indennizzo di 700 euro al mese ma non il risarcimento del danno. L’art. 702 bis mi può aiutare?

Emostrasfuso con sangue infetto da epatite C. Attualmente ho ottenuto l’indennizzo mensile di circa 700 euro. Ho chiesto il risarcimento danni e il giudice a cui sono stato assegnato sta portando alle lunghe la causa risarcitoria, dato che da epatite C ormai è necessario il trapianto del fegato perché vari epatocarcinoma (6) hanno invaso l’organo, se si continua a rimandare non credo che avrò la possibilità di godere del risarcimento.

Faccio presente che è stato accertato il nesso avendo la cartella clinica con il numero identificativo delle sacche e al controllo sono risultati i donatori positivi. L’articolo 702 bis da voi citato può essermi di aiuto?

Grazie

 


Gentile lettore, mi pare di capire che vi sia un ordinario giudizio in corso. In questo caso non può instaurarsi un autonomo procedimento ex art. 702 bis, poiché non vi possono essere pendenti due giudizi aventi identico oggetto fra le medesime parti. Le consiglierei una difesa più attiva dove con istanze motivate e, se serve, reiterate, si faccia marciare più speditamente il giudice.

In caso di ulteriori necessità siamo a Sua completa disposizione.

Avv. Gianluca Mari

Comment on this FAQ

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarito da epatite C dopo trent’anni grazie a nuovo farmaco. Godo di indennizzo ex legge 210/92, continuerò a prenderlo?

Buongiorno, godo di indennizzo ex legge 210/92. Grazie ad una nuova terapia, sono appena guarito dopo trent’anni dall’epatite C. Vorrei sapere se continuerò a prendere il vitalizio bimestrale e se comunque devo in qualche modo far sapere agli organi competenti (non so come o chi) della mia guarigione.

Non solo: per altra patologia sono invalido civile del lavoro al 90%, e sul verbale della commissione medica, a suo tempo, fu aggiunta oltre alla patologia esistente dalla nascita, anche l’epatite C. Se confermata la guarigione, devo far la revisione per cancellare la seconda patologia dell’epatite attraverso una nuova visita alla commissione medica dell’Asl locale?

Grazie per la risposta.


Gentile lettore, il suo quesito è molto opportuno ed acuto. Ho consultato anche i referenti regionali e i responsabili EPAC che mi hanno confermato che si tratta di un diritto acquisito e quindi in base alle attuali normative inalienabile, salvo eventuali modifiche legislative in futuro, peraltro del tutto improbabile.

Claudio Puoti

Comment on this FAQ

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Load More

Intossicazioni alimentari

Le domande e le risposte dei nostri esperti dedicati ai casi di intossicazione alimentare

Ho contratto epatite C dopo trasfusione di sangue, ho ottenuto indennizzo di 700 euro al mese ma non il risarcimento del danno. L’art. 702 bis mi può aiutare?

Emostrasfuso con sangue infetto da epatite C. Attualmente ho ottenuto l’indennizzo mensile di circa 700 euro. Ho chiesto il risarcimento danni e il giudice a cui sono stato assegnato sta portando alle lunghe la causa risarcitoria, dato che da epatite C ormai è necessario il trapianto del fegato perché vari epatocarcinoma (6) hanno invaso l’organo, se si continua a rimandare non credo che avrò la possibilità di godere del risarcimento.

Faccio presente che è stato accertato il nesso avendo la cartella clinica con il numero identificativo delle sacche e al controllo sono risultati i donatori positivi. L’articolo 702 bis da voi citato può essermi di aiuto?

Grazie

 


Gentile lettore, mi pare di capire che vi sia un ordinario giudizio in corso. In questo caso non può instaurarsi un autonomo procedimento ex art. 702 bis, poiché non vi possono essere pendenti due giudizi aventi identico oggetto fra le medesime parti. Le consiglierei una difesa più attiva dove con istanze motivate e, se serve, reiterate, si faccia marciare più speditamente il giudice.

In caso di ulteriori necessità siamo a Sua completa disposizione.

Avv. Gianluca Mari

Comment on this FAQ

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarito da epatite C dopo trent’anni grazie a nuovo farmaco. Godo di indennizzo ex legge 210/92, continuerò a prenderlo?

Buongiorno, godo di indennizzo ex legge 210/92. Grazie ad una nuova terapia, sono appena guarito dopo trent’anni dall’epatite C. Vorrei sapere se continuerò a prendere il vitalizio bimestrale e se comunque devo in qualche modo far sapere agli organi competenti (non so come o chi) della mia guarigione.

Non solo: per altra patologia sono invalido civile del lavoro al 90%, e sul verbale della commissione medica, a suo tempo, fu aggiunta oltre alla patologia esistente dalla nascita, anche l’epatite C. Se confermata la guarigione, devo far la revisione per cancellare la seconda patologia dell’epatite attraverso una nuova visita alla commissione medica dell’Asl locale?

Grazie per la risposta.


Gentile lettore, il suo quesito è molto opportuno ed acuto. Ho consultato anche i referenti regionali e i responsabili EPAC che mi hanno confermato che si tratta di un diritto acquisito e quindi in base alle attuali normative inalienabile, salvo eventuali modifiche legislative in futuro, peraltro del tutto improbabile.

Claudio Puoti

Comment on this FAQ

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Load More

Lavoro e previdenza

Le domande e le risposte dei nostri esperti dedicati ai casi legali di lavoro e previdenza

Ho contratto epatite C dopo trasfusione di sangue, ho ottenuto indennizzo di 700 euro al mese ma non il risarcimento del danno. L’art. 702 bis mi può aiutare?

Emostrasfuso con sangue infetto da epatite C. Attualmente ho ottenuto l’indennizzo mensile di circa 700 euro. Ho chiesto il risarcimento danni e il giudice a cui sono stato assegnato sta portando alle lunghe la causa risarcitoria, dato che da epatite C ormai è necessario il trapianto del fegato perché vari epatocarcinoma (6) hanno invaso l’organo, se si continua a rimandare non credo che avrò la possibilità di godere del risarcimento.

Faccio presente che è stato accertato il nesso avendo la cartella clinica con il numero identificativo delle sacche e al controllo sono risultati i donatori positivi. L’articolo 702 bis da voi citato può essermi di aiuto?

Grazie

 


Gentile lettore, mi pare di capire che vi sia un ordinario giudizio in corso. In questo caso non può instaurarsi un autonomo procedimento ex art. 702 bis, poiché non vi possono essere pendenti due giudizi aventi identico oggetto fra le medesime parti. Le consiglierei una difesa più attiva dove con istanze motivate e, se serve, reiterate, si faccia marciare più speditamente il giudice.

In caso di ulteriori necessità siamo a Sua completa disposizione.

Avv. Gianluca Mari

Comment on this FAQ

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarito da epatite C dopo trent’anni grazie a nuovo farmaco. Godo di indennizzo ex legge 210/92, continuerò a prenderlo?

Buongiorno, godo di indennizzo ex legge 210/92. Grazie ad una nuova terapia, sono appena guarito dopo trent’anni dall’epatite C. Vorrei sapere se continuerò a prendere il vitalizio bimestrale e se comunque devo in qualche modo far sapere agli organi competenti (non so come o chi) della mia guarigione.

Non solo: per altra patologia sono invalido civile del lavoro al 90%, e sul verbale della commissione medica, a suo tempo, fu aggiunta oltre alla patologia esistente dalla nascita, anche l’epatite C. Se confermata la guarigione, devo far la revisione per cancellare la seconda patologia dell’epatite attraverso una nuova visita alla commissione medica dell’Asl locale?

Grazie per la risposta.


Gentile lettore, il suo quesito è molto opportuno ed acuto. Ho consultato anche i referenti regionali e i responsabili EPAC che mi hanno confermato che si tratta di un diritto acquisito e quindi in base alle attuali normative inalienabile, salvo eventuali modifiche legislative in futuro, peraltro del tutto improbabile.

Claudio Puoti

Comment on this FAQ

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Load More

Polizze assicurative

Le domande e le risposte dei nostri esperti dedicati ai casi legali sul settore delle assicurazioni

Ho contratto epatite C dopo trasfusione di sangue, ho ottenuto indennizzo di 700 euro al mese ma non il risarcimento del danno. L’art. 702 bis mi può aiutare?

Emostrasfuso con sangue infetto da epatite C. Attualmente ho ottenuto l’indennizzo mensile di circa 700 euro. Ho chiesto il risarcimento danni e il giudice a cui sono stato assegnato sta portando alle lunghe la causa risarcitoria, dato che da epatite C ormai è necessario il trapianto del fegato perché vari epatocarcinoma (6) hanno invaso l’organo, se si continua a rimandare non credo che avrò la possibilità di godere del risarcimento.

Faccio presente che è stato accertato il nesso avendo la cartella clinica con il numero identificativo delle sacche e al controllo sono risultati i donatori positivi. L’articolo 702 bis da voi citato può essermi di aiuto?

Grazie

 


Gentile lettore, mi pare di capire che vi sia un ordinario giudizio in corso. In questo caso non può instaurarsi un autonomo procedimento ex art. 702 bis, poiché non vi possono essere pendenti due giudizi aventi identico oggetto fra le medesime parti. Le consiglierei una difesa più attiva dove con istanze motivate e, se serve, reiterate, si faccia marciare più speditamente il giudice.

In caso di ulteriori necessità siamo a Sua completa disposizione.

Avv. Gianluca Mari

Comment on this FAQ

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarito da epatite C dopo trent’anni grazie a nuovo farmaco. Godo di indennizzo ex legge 210/92, continuerò a prenderlo?

Buongiorno, godo di indennizzo ex legge 210/92. Grazie ad una nuova terapia, sono appena guarito dopo trent’anni dall’epatite C. Vorrei sapere se continuerò a prendere il vitalizio bimestrale e se comunque devo in qualche modo far sapere agli organi competenti (non so come o chi) della mia guarigione.

Non solo: per altra patologia sono invalido civile del lavoro al 90%, e sul verbale della commissione medica, a suo tempo, fu aggiunta oltre alla patologia esistente dalla nascita, anche l’epatite C. Se confermata la guarigione, devo far la revisione per cancellare la seconda patologia dell’epatite attraverso una nuova visita alla commissione medica dell’Asl locale?

Grazie per la risposta.


Gentile lettore, il suo quesito è molto opportuno ed acuto. Ho consultato anche i referenti regionali e i responsabili EPAC che mi hanno confermato che si tratta di un diritto acquisito e quindi in base alle attuali normative inalienabile, salvo eventuali modifiche legislative in futuro, peraltro del tutto improbabile.

Claudio Puoti

Comment on this FAQ

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Load More

Privacy

Le domande e le risposte dei nostri esperti dedicati ai casi di tutela della privacy e trattamento dei dati personali

Ho contratto epatite C dopo trasfusione di sangue, ho ottenuto indennizzo di 700 euro al mese ma non il risarcimento del danno. L’art. 702 bis mi può aiutare?

Emostrasfuso con sangue infetto da epatite C. Attualmente ho ottenuto l’indennizzo mensile di circa 700 euro. Ho chiesto il risarcimento danni e il giudice a cui sono stato assegnato sta portando alle lunghe la causa risarcitoria, dato che da epatite C ormai è necessario il trapianto del fegato perché vari epatocarcinoma (6) hanno invaso l’organo, se si continua a rimandare non credo che avrò la possibilità di godere del risarcimento.

Faccio presente che è stato accertato il nesso avendo la cartella clinica con il numero identificativo delle sacche e al controllo sono risultati i donatori positivi. L’articolo 702 bis da voi citato può essermi di aiuto?

Grazie

 


Gentile lettore, mi pare di capire che vi sia un ordinario giudizio in corso. In questo caso non può instaurarsi un autonomo procedimento ex art. 702 bis, poiché non vi possono essere pendenti due giudizi aventi identico oggetto fra le medesime parti. Le consiglierei una difesa più attiva dove con istanze motivate e, se serve, reiterate, si faccia marciare più speditamente il giudice.

In caso di ulteriori necessità siamo a Sua completa disposizione.

Avv. Gianluca Mari

Comment on this FAQ

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarito da epatite C dopo trent’anni grazie a nuovo farmaco. Godo di indennizzo ex legge 210/92, continuerò a prenderlo?

Buongiorno, godo di indennizzo ex legge 210/92. Grazie ad una nuova terapia, sono appena guarito dopo trent’anni dall’epatite C. Vorrei sapere se continuerò a prendere il vitalizio bimestrale e se comunque devo in qualche modo far sapere agli organi competenti (non so come o chi) della mia guarigione.

Non solo: per altra patologia sono invalido civile del lavoro al 90%, e sul verbale della commissione medica, a suo tempo, fu aggiunta oltre alla patologia esistente dalla nascita, anche l’epatite C. Se confermata la guarigione, devo far la revisione per cancellare la seconda patologia dell’epatite attraverso una nuova visita alla commissione medica dell’Asl locale?

Grazie per la risposta.


Gentile lettore, il suo quesito è molto opportuno ed acuto. Ho consultato anche i referenti regionali e i responsabili EPAC che mi hanno confermato che si tratta di un diritto acquisito e quindi in base alle attuali normative inalienabile, salvo eventuali modifiche legislative in futuro, peraltro del tutto improbabile.

Claudio Puoti

Comment on this FAQ

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Load More