Contratto degli infermieri, per Ipasvi a rischio dignità professionale

Contratto degli infermieri, per Ipasvi a rischio dignità professionale

Contratto degli infermieri, per Ipasvi a rischio dignità professionale

‘Ormai è questione di dignità professionale’: così è intervenuta Mangiacavalli in merito al contratto degli infermieri, fermo da 10 anni

Ipasvi torna a esprimersi sul contratto degli infermieri, e lo fa con una nota pubblica.

La Federazione nazionale degli infermieri, infatti, è intervenuta sul braccio di ferro Governo-sindacati per il rinnovo – dopo dieci anni di assenza – del contratto delle professioni sanitarie.

Una situazione in cui gli infermieri rappresentano oltre il 75 per cento della forza lavoro.

“Non siamo una rappresentanza sindacale – afferma Barbara Mangiacavalli – ma non si può ignorare che dopo dieci anni di assenza di contratto per gli infermieri la questione vada perfino al di là dei rinnovi degli accordi”.

Motivo in più per cui non si possono che sostenere “tutte le iniziative che hanno come obiettivo la salvaguardia della dignità professionale”.

In una nota inviata a tutti gli Ordini provinciali, la Federazione ha sottolineato l’urgenza di un intervento.

Anche perché la partita contrattuale sta per giungere al termine.

Ciò fa sì che le tensioni in ambito professionale siano numerose e del tutto comprensibili.

Ma questa non è la prima volta che la Federazione nazionale si pronuncia sul contratto degli infermieri. In passato è spesso intervenuta anche producendo documenti e analisi a riguardo.

“Certo non ci tireremo indietro adesso”, prosegue Mangiacavalli.

Secondo Ipasvi, infatti, “non si può nemmeno ignorare che dopo dieci anni di assenza di contratto per gli infermieri la questione vada perfino al di là dei rinnovi degli accordi”.

Il contratto degli infermieri, per Ipasvi, deve trovare la sua ragion d’essere almeno in una parte normativa che davvero premi lo sviluppo di carriera e la professionalità.

“Dobbiamo prendere atto del fatto che il tema delle competenze specialistiche – prosegue la nota – è alquanto sfumato e annacquato rispetto al documento predisposto dalla Federazione nazionale”.

L’obiettivo finale, quindi, “non può che essere sostenere quindi tutte le iniziative che hanno come obiettivo la salvaguardia della dignità professionale”.

“Non è più pensabile – ha concluso la Federazione – che si continui a far gravare un intero sistema sulle spalle di professionisti sempre più sparuti, demotivati e stanchi. Siamo infermieri e vogliamo esercitare in sicurezza e orientati al futuro per garantire sempre la migliore assistenza possibile”.

 

 

 

Leggi anche:

FEDERAZIONE DEGLI INFERMIERI: CONFERMATA BARBARA MANGIACAVALLI

image_pdfSalva in pdfimage_printStampa

IL TUO COMMENTO E LA TUA STORIA

Scrivi il tuo commento o raccontaci la tua storia!