Distocia di spalla, ecco un esempio di come proseguire con un giudizio di merito quando la ctu del 696bis è negativa, o meglio, più che essere terza, sembra di parte

Molti avvocati ci inviano le ctu dell’accertamento tecnico preventivo per valutare la possibilità di proseguire il giudizio e il più delle volte, le ctu negative si trasformano, nel giudizio successivo, in ctu positive che conducono al risarcimento. L’elemento fondamentale per proseguire un giudizio su un 696bis negativo è legato alla dimostrazione che quella ctu (del 696bis), per vizi logici intrinseci, non può rappresentare un mezzo di prova che, invece, è indispensabile per fare una sentenza di condanna o di assoluzione dei medici o della struttura.

Nel caso in esame il ctu ginecologo (o meglio, l’ausiliario del medicolegale) ha fatto il finto tonto sorvolando sugli aspetti fondamentali della vicenda come si può leggere dalla relazione di parte allegata.

Non voglio tediarvi ripetendo ciò che è leggibile sulla relazione di parte, ma vorrei fare il punto della questione.

Contestare una ctu significa “smontarla” non perdendosi per strada i pezzi, cosa che ha fatto l’ausiliario ginecologo. Egli ha oscurato delle evidenze fondamentali per una corretta valutazione del caso non rilevando, tra le altre cose, ciò che per la giurisprudenza è un dato di fatto: presunzione di colpa quando la cartella risulta incompleta in quei passaggi che servono a ricostruire i fatti ex post.

Ma l’ulteriore punto, forse il più importante, è quello in cui il ctu non indica le cause della distocia di spalla concludendo, erratamente, che i sanitari hanno fatto bene tutte le cose. Senza l’individuazione delle cause dell’evento avverso come si può ricollegare questo con l’operato dei medici? Ergo, ove non sia dimostrato con certezza che i medici non sono “scollegati” con il pregiudizio alla salute lamentato non risulta soddisfatto l’onere della prova che è a carico del medico e della struttura.

Insomma, semplici concetti per una buona valutazione.

Se qualche avvocato, lettore di Responsabile Civile, ha “in seno” una ctu di 696bis negativa e vuole un parere di procedibilità per una eventuale prosecuzione del giudizio può inviare la ctu e la documentazione sanitaria all’indirizzo galipo@libero.it che in breve tempo avrà la risposta.

Dr. Carmelo Galipò

(Pres. Accademia della Medicina Legale)

CLICCA QUI PER LEGGERE LA CTU DEL 696BIS

CLICCA QUI PER LEGGERE LA RELAZIONE MEDICO LEGALE DI PARTE PER IL GIUDIZIO ORDINARIO

image_pdfSalva in pdfimage_printStampa

IL TUO COMMENTO E LA TUA STORIA

Scrivi il tuo commento o raccontaci la tua storia!