Operaio morto per una setticemia: aperta un’inchiesta

Operaio morto per una setticemia: aperta un’inchiesta

0
operaio morto

Si indaga sul decesso di un operaio morto per una setticemia dopo un intervento per i calcoli renali. L’uomo aveva 61 anni ed è stato operato al Careggi.

Si indaga sul decesso di un operaio morto per una setticemia dopo un intervento di routine per asportare dei calcoli renali.

L’uomo, 61 anni, di Prato, è morto il 22 ottobre scorso nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale di Careggi.

L’operazione, che riguardava anche l’asportazione di alcuni diverticoli, è stata eseguita venerdì mattina, ma pare che qualcosa non sia andato nel verso giusto.

Secondo le prime indiscrezioni, sembra che nel corso dell’intervento sia stata riscontrata la perforazione della sacca biliare. Questo ha innescato una setticemia poi rivelatasi letale per l’ operaio.

Martedì i familiari del 61enne hanno presentato un esposto alla magistratura fiorentina.

Lo scopo è quello di fare luce su quanto accaduto all’ operaio morto per una setticemia. Ma, soprattutto, capire se vi siano stati errori o negligenze.

Intanto, è stata disposta l’autopsia sul cadavere del 61enne. Le parti attendono il conferimento dell’incarico.

I sanitari che hanno eseguito l’intervento sono stati già identificati, ammettendo sostanzialmente l’errore medico.

Sembra che il paziente avesse da subito lamentato forti dolori all’addome, ma solo nella notte tra sabato e domenica sarebbe stato sottoposto a una Tac. L’esame ha poi evidenziato la perforazione della sacca biliare.

L’ospedale ha annunciato di aver avviato “un approfondimento nell’ambito delle attività del rischio clinico”.

“Il caso – si legge ancora nella nota del nosocomio – particolarmente complesso per la compresenza di varie problematiche per le quali era necessario intervenire chirurgicamente in modo coordinato, ha comportato condizioni avverse che possono essere considerate compatibili con una complicanza chirurgica statisticamente possibile”.

Sarà ora l’inchiesta a far luce sull’accaduto.

Credi di essere vittima di un caso di errore medico? Scrivi per una consulenza gratuita a redazione@responsabilecivile.it o invia un sms, anche vocale, al numero WhatsApp 3927945623

Leggi anche:

DECEDUTO PER UN INFARTO NON DIAGNOSTICATO: UN MEDICO CONDANNATO

 

image_pdfSalva in pdfimage_printStampa

IL TUO COMMENTO E LA TUA STORIA

Scrivi il tuo commento o raccontaci la tua storia!