Prelievo di polmoni a cuore fermo, quinto caso italiano a Cesena

Prelievo di polmoni a cuore fermo, quinto caso italiano a Cesena

prelievo di polmoni a cuore fermo

La procedura del prelievo di polmoni a cuore fermo, eseguita per la quinta volta in Italia, rappresenta una speranza per i numerosi pazienti in lista di attesa che hanno nella disponibilità di organi idonei l’unica possibilità di sopravvivenza

Effettuata all’ospedale Bufalini di Cesena una donazione multi organo da donatore a cuore fermo con prelievo di polmoni idonei al trapianto. L’intervento è stato portato a termine con successo dai professionisti delle Unità Operative di Anestesia e Rianimazione, Chirurgia D’Urgenza, Blocco Operatorio, Chirurgia Vascolare, Radiologia, Medicina Trasfusionale e Laboratorio Analisi. Grazie a questa collaborazione è stato possibile eseguire il prelievo di fegato, reni e polmoni, che sono poi stati trapiantati con successo.

“Da quando in Italia è iniziata l’attività di donazione organi e tessuti da donatore a cuore fermo questo è il quinto caso in Italia di prelievo di polmoni poi trapianti con successo da questa tipologia di donatore”. A spiegarlo è il dottor Vanni Agnoletti, direttore dell’Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione dell’ospedale Bufalini.

La procedura, estremamente complessa e praticata in pochi centri italiani, coinvolge decine di medici, infermieri e tecnici.

Comporta avanzate tecniche di circolazione extracorporea e richiede un’altissima efficienza di tutta la macchina organizzativa. Nel caso in questione il coordinamento è stato effettuato dal Centro Riferimento Trapianti dell’Emilia-Romagna.

“Ringrazio tutti i numerosissimi medici, infermieri e tecnici – conclude Agnoletti – che hanno lavorato ininterrottamente, con grande impegno per questo importante risultato che segna un ulteriore traguardo nell’attività di donazione organi e apre nuove speranze per i numerosi pazienti in lista di attesa, che hanno nella disponibilità di organi idonei l’unica possibilità di sopravvivenza”.

Per l’ospedale Bufalini, individuato dalla Regione quale Centro promotore dell’estensione del programma regionale “Cuore fermo ER” in altre Aziende sanitarie dell’Emilia Romagna, è l’undicesimo prelievo multiorgano effettuato a cuore fermo.

 

Leggi anche:

CATARATTA TOTALE POST TRAUMATICA, 36ENNE RECUPERA LA VISTA A RICCIONE

image_pdfSalva in pdfimage_printStampa

IL TUO COMMENTO E LA TUA STORIA

Scrivi il tuo commento o raccontaci la tua storia!