Tags Posts tagged with "consultazione"

consultazione

0
sistema ts
TESSERA CARD SANITARIA

I cittadini possono segnalare incongruenze e opporsi all’invio dei dati dal Sistema TS all’Agenzia delle Entrate

Sono disponibili sul sito web www.sistemats.it i servizi telematici rivolti a tutti i cittadini per consultare le proprie spese sanitarie trasmesse al Sistema TS (Tessera Sanitaria). Si tratta dei dati impiegati per la predisposizione della dichiarazione dei redditi precompilata da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Lo rende noto il Ministero dell’Economia e delle Finanze, chiarendo che è altresì possibile esportare tali dati, nonché visualizzare alcune statistiche. Tra queste, ad esempio, la ripartizione delle spese, sia per tipologia erogatore che per tipologia di spesa, e la relativa distribuzione mensile.

I cittadini possono poi segnalare eventuali incongruenze relative a importi, classificazione della spesa o titolarità del documento fiscale. Il Sistema TS provvede a trasmettere telematicamente le segnalazioni al soggetto che ha effettuato l’invio, affinché possa procedere alla eventuale correzione dell’anomalia. Tale funzionalità è disponibile per i dati relativi all’anno 2019 (fino al 31 gennaio 2020).

E’ inoltre possibile esercitare l’opposizione all’invio dei dati alle Entrate per la predisposizione della dichiarazione precompilata.

Tale funzionalità, secondo le indicazioni condivise con il Garante per la protezione dei dati personali, è disponibile annualmente, solo nel mese di febbraio. In caso di opposizione il Sistema TS non renderà disponibili all’Agenzia i relativi dati.

Per fruire del servizio, attraverso il sito web www.sistemats.it, vi sono varie modalità di accesso. In particolare, è possibile utilizzare lo SPID, ovvero il Sistema Pubblico di Identità Digitale. In alternativa si può accedere con le credenziali  Fisconline rilasciate dall’Agenzia delle entrate o mediante Tessera sanitaria (TS e TS-CNS), precedentemente attivata secondo le indicazioni regionali. In quest’ultimo caso il cittadino deve disporre di un lettore di smart card e dei codici PIN, PUK e codice di identificazione CIP.

 

Leggi anche:

MODELLI 2019 PER LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI, TUTTE LE NOVITÀ

L’ente previdenziale Cassa Forense ha messo a disposizione DatAvvocato, un data base di novità e informazioni utili a tutti gli esperti del settore legale.

Dal diritto civile, penale, tributario, internazionale oltre che tutto l’ambito forense. DatAvvocato, la nuova banca dati realizzata in esclusiva dal Gruppo 24 ORE, che si è aggiudicato la gara europea indetta dalla Cassa di Previdenza Forense per fornire ai 245.000 iscritti un servizio di banca dati di informazione giuridica.

Presentata durante la convention di due giorni di Cassa Forense sul tema “Il Welfare degli avvocati” che si è tenuta a Roma la scorsa settimana, DatAvvocato ospita oltre 1.420.000 documenti di legislazione comprendendo provvedimenti nazionale, regionali ed europei. L’aggiornamento di tutte le informazioni è garantito entro 24 ore dalla pubblicazione dei testi nella Gazzetta Ufficiale.

All’interno di questo nuovo database gratuito sono consultabili le più grandi massime e sentenze. Un motore di ricerca troverà quanto richiesto nelle sezioni che raggruppano i vari argomenti, divisi sia per categoria che per ordine cronologico oltre ad avere a disposizione più di  1.500 voci come ricerca di parola chiave.

Gli iscritti alla Cassa vedranno inoltre una sezione specifica dedicata ai quattro principali codici (Civile e di Procedura Civile, Penale e di Procedura Penale) e ai trentadue testi unici.

Uno strumento utile messo a disposizione di Cassa Forense che sta dando una grande rilevanza al welfare attivo oltre che all’attività previdenziale. Per il Presidente della Cassa Nunzio Luciano l’offerta della banca dati rientra in “Un cambio di paradigma dell’Istituto di previdenza, non solo pensioni, che rimane il core business, ma anche un welfare attivo”.

Quello di DatAvvocato è una novità che oltre a fornire una pratica e veloce consultazione della giurisprudenza permetterà a molti avvocati e studi legali di tagliare alcuni costi legati alla professione, in un momento in cui la figura dell’avvocato è sempre più gravata da spese. Un bel traguardo da cui Cassa Forense si aspetta la soddisfazione dei suoi iscritti.

LE ULTIME NEWS

deceduta ricovero in PS

0
Sovraffollamento, poco personale, posti letto e budget insufficienti, sono questioni che ormai affliggono molti ospedali italiani. Non da ultimo, vi è il caso...