Tags Posts tagged with "Dr. Eugenio Parini"

Dr. Eugenio Parini

Spazzolino che previene il tumore alla bocca

Come ogni anno a fine dicembre si scatenerà la ricerca della Polizza Assicurativa migliore per difendere la propria professione.

Se si sono rispettati i tempi per la disdetta della vecchia Polizza, si potrà finalmente sottoscriverne una nuova.

Ma quante incertezze, quanti dubbi, quanti tranelli da evitare.

Leggendo superficialmente una Polizza non sempre si identificano i trabocchetti nascosti.

Quanti valutano le franchigie presenti? Conoscono i termini per denunciare un sinistro? Misurano gli anni di retroattività?

Ricordo, per inciso, che passando ad una nuova Compagnia si può creare un vuoto di copertura molto pericoloso. Il “claims made” anglosassone è ormai inserito in molte Polizze, anche se alcune volte non è stato riconosciuto valido.  Si assume che il sinistro venga “attivato” dalla richiesta di risarcimento che l’assicurato riceve e le relative garanzie operano dal momento in cui tale richiesta è ricevuta, pertanto le relative garanzie operano dal momento in cui tale richiesta è ricevuta.

Sono queste alcune delle insidie che vengono spesso trascurate.

Nei numerosi articoli che compongono una Polizza sono attentamente elencati i rischi e le coperture, ma in pochi le valutano e ne tengono conto.

Una volta fissato il massimale di polizza, che ormai è di € 1.500.000,00, cerchiamo di guardare agli altri aspetti della copertura assicurativa.

Aspetti della copertura assicurativa da valutare

In primis valutare le franchigie, possono riguardare la copertura implantologica, la mancanza di un consenso informato, la privacy e la presenza di crediti formativi.

Ogni Compagnia sceglie delle percentuali diverse e su questi valori si realizza il costo della Polizza. Accettare franchigie più alte consente coperture maggiori e costi annuali inferiori.

Ognuno dovrebbe valutare il proprio fatturato e scegliere quale rischio includere nella Polizza, non scordando di inserire la “tutela giudiziaria” che consente di scegliere il proprio legale di fiducia per seguire le varie fasi di giudizio. Conosciamo, infatti, che il legale della Compagnia farà sempre e solo gli interessi della Compagnia e non quelli dell’Assicurato!

Al termine dell’esame dovrebbe scaturire una polizza su misura, personalizzata e adatta alle esigenze del professionista.
Il consiglio di un Broker dovrebbe consentire di chiarire ogni dubbio al meglio.

 

Dott. Eugenio Parini
Medico chirurgo
Specialista in Odontostomatologia
Perfezionato in Odontoiatria Forense

 

Leggi anche

LEGGI GELLI-BIANCO: ODONTOIATRIA E TUTELE ASSICURATIVE

ASSICURAZIONE LONG TERM CARE PER MEDICI E DENTISTI

 

Rinnovi degli impianti in odontoiatria

Rinnovi degli impianti in odontoiatria, come si stabiliscono i costi in caso di reintegrazione per fallimenti terapeutici da responsabilità professionale?

La durata delle prestazioni odontoiatriche è stata analizzata in numerosi lavori di metanalisi della letteratura e di studi clinici prospettici o retrospettivi condotti su larga scala e a lungo termine, che utilizzano come parametri il tasso di sopravvivenza a 10-20 anni e il tasso di fallimento annuale.

La performance delle protesi eccezionalmente raggiunge percentuali di successo (inteso come l’assenza di difetti) del 100% per periodi di osservazione superiori a 5 anni, per la comparsa di:

– difetti biologici, come carie secondarie, patologie endodontiche, parodontopatie, frattura dei pilastri dentali

– tecnici, come perdita di ritenzione, eccessiva abrasione o ruvidità superficiale, distacco del cemento marginale (ditching), modificazioni estetiche, fratture di rivestimento estetico (cracking, chipping), di impianti e loro componenti (viti, aburtments) o della struttura protesica.

L’insuccesso

L’insuccesso può essere reversibile o irreversibile, tenendo presente che accettabilità e praticabilità della riparazione conservativa risentono di componenti soggettive di apprezzamento:

– il fallimento consiste in difetti con impatto estetico e funzionale tale da richiedere la sostituzione.

– la sopravvivenza è il risultato di difetti minori, che ne permettono il recupero.

Nel nostro caso specifico non esiste ancora una letteratura che quantifichi e valuti la possibilità di riconoscere il costo di futuri “rinnovi” degli impianti dentali.

Le analisi e gli studi fino ad oggi eseguiti hanno avuto come riferimento la durata di impianti in condizioni fisiologiche.

In caso di reintegrazione per traumi o fallimenti terapeutici, quindi in responsabilità professionale, solo ultimamente mi sono trovato in CTU a dover valutarne i costi. Le interpretazioni sono chiaramente di parte, quando che deve risarcire il danno riconosce il costo “ una tantum” e chi lo ha subito ne chiede il rinnovo come per la componente protesica.

Durante numerose conferenze e congressi il tema è stato affrontato solo superficialmente, delegando poi ai singoli la scelta.

Non conosco se a livello ortopedico ( protesi dell’anca) l’argomento sia stato risolto, ma si entrerebbe in un campo ben diverso.

Raccomandazioni del Ministero

Le raccomandazioni redatte e diffuse dal ministero della Sanità, per quanto riguarda gli impianti, concludono: “ In conclusione, la riabilitazione implanto-protesica dipende da numerosi fattori che, tutti insieme, concorrono al raggiungimento e al mantenimento del successo clinico.

Tra questi, particolare importanza rivestono: una diagnosi accurata, un adeguato piano di trattamento, una corretta
realizzazione delle procedure chirurgiche e protesiche, un sistema implantare in regola con le norme vigenti, le capacità dell’operatore e infine la corresponsabilizzazione del paziente.

La riabilitazione implanto-protesica, è, dunque, un trattamento ad alta valenza tecnologica, scientifica e professionale”.

Senza nessun riferimento alla durata… Lascio al buon senso, almeno per ora la soluzione.

Dr. Eugenio Parini
(Odontoiatra)

 

Hai avuto un problema simile e ti serve una consulenza gratuita? Scrivi a redazione@responsabilecivile.it o telefona al numero 3927945623

 

Leggi anche

LEGGE GELLI-BIANCO: ODONTOIATRIA E TUTELE ASSICURATIVE

ODONTOIATRIA, LINEE GUIDA E BUONE PRATICHE

 

LE ULTIME NEWS

riforma della magistratura onoraria

0
L’iter parlamentare del ddl di riforma della magistratura onoraria, che prevede il superamento della riforma Orlando, inizierà ora il suo iter parlamentare in...