Tags Posts tagged with "sanitari indagati"

sanitari indagati

0
morte di una pensionata

Sul registro degli indagati della Procura di Lecce sono finiti i nomi di sei sanitari, accusati di omicidio colposo in relazione alla morte di una pensionata di 85 anni. Il personale del 118 riferisce di aver subito un’aggressione da parte dei parenti della vittima

Sei persone sono finite sul registro degli indagati per la morte di una pensionata 85enne, deceduta giovedì scorso nella sua abitazione in Salento. Nello specifico, la Procura di Lecce ha notificato gli avvisi di garanzia agli operatori sanitari del 118 che hanno prestato i soccorsi all’anziana signora. L’ipotesi di reato contestata è di omicidio colposo.

Secondo quanto riportato dal Corriere Salentino, i parenti hanno presentato denuncia all’Autorità Giudiziaria lamentando che tra i primi soccorritori accorsi non vi fosse il medico. Quest’ultimo sarebbe arrivato solo in un secondo momento a bordo dell’automedica.

Il figlio, in particolare, racconta di essersi proposto per eseguire il massaggio, essendo in possesso di diverse certificazioni di primo soccorso.

A quel punto però i sanitari lo avrebbero invitato a uscire perché dovevano lavorare. L’uomo, quindi, riferisce di essersi alterato perché – riporta in denunci – “ho capito che mia madre stava per morire, cosa che si è verificata”. A suo dire, i soccorritori del 118 sarebbero responsabili del decesso poiché non avrebbero praticato le giuste manovre. Inoltre, avrebbero fatto intervenire in ritardo la dottoressa.

Dall’altro lato la versione dei soccorritori, i quali sostengono di essere stati aggrediti dai familiari nel corso dell’intervento. In particolare, secondo quanto riportato in una del presidente dell’Ordine delle professioni infermieristiche di Lecce, Marcello Antonazzo, “i parenti hanno cominciato ad andare in escandescenze inveendo e minacciando con una spranga di ferro dapprima l’infermiere, il soccorritore e l’autista e successivamente anche il medico arrivato sul luogo dell’evento, con l’automedica, dopo pochi minuti”.

Nelle scorse ore si è svolta l’autopsia sul corpo della vittima. Dai risultati, attesi per le prossime settimane,  si attendono risposte sulle cause del decesso e circa eventuali responsabilità da parte degli indagati.

 

Credi di essere vittima di un caso di errore medico? Scrivi per una consulenza gratuita a redazione@responsabilecivile.it o invia un sms, anche vocale, al numero WhatsApp 3927945623

 

Leggi anche:

MORTO PER PRESUNTE RESPONSABILITÀ MEDICHE, CHIESTE 7 CONDANNE

 

 

0
gallipoli

La vittima è un 64enne che era stato operato all’ospedale di Gallipoli per fare fronte a un’otturazione delle vie biliari

La Procura di Lecce ha aperto un’inchiesta per fare chiarezza sulle cause del decesso di un salentino di 64 anni. Il Pubblico ministero, in particolare, ha iscritto nel registro degli indagati 25 operatori sanitari in servizio presso il nosocomio di Gallipoli, struttura in cui si è consumata la tragedia.

L’uomo, come ricostruito dai familiari, era stato ricoverato il 29 dicembre a Copertino per un malessere che si protraeva da alcuni giorni. Presentava un colorito del viso giallastro. Il 4 gennaio era stato trasferito presso il reparto di Chirurgia del presidio ospedaliero di Gallipoli per essere operato. Gli era stata riscontrata, infatti, una otturazione delle vie biliari.

L’ intervento aveva avuto luogo il 7 gennaio e, a detta dei sanitari, l’esito era stato positivo. Dopo oltre, dieci giorni di degenza, tuttavia, la mattina del 19 gennaio era improvvisamente sopraggiunto il decesso.

I parenti hanno quindi deciso di presentare un esposto querela. L’intento è capire cosa sia successo e se siano ravvisabili eventuali responsabilità mediche sull’accaduto.

I magistrati hanno disposto il sequestro delle cartelle cliniche e conferito l’incarico per lo svolgimento  dell’autopsia, in programma nelle prossime ore. Gli avvisi di garanzia rappresentano un atto dovuto proprio per consentire agli indagati di nominare i propri consulenti in vista di un accertamento irripetibile quale l’esame necroscopico.

I rilievi medico legali dovranno verificare la sussistenza o meno di una causalità tra il decesso dell’uomo e la condotta di medici e personale sanitario nella gestione del paziente.

 

Credi di essere vittima di un caso di errore medico? Scrivi per una consulenza gratuita a redazione@responsabilecivile.it o invia un sms, anche vocale, al numero WhatsApp 3927945623

 

Leggi anche:

PERUGIA, NOVE SANITARI INDAGATI PER LA MORTE DI UN PAZIENTE DI 76 ANNI

LE ULTIME NEWS

prescrizione dei farmaci

0
La prescrizione a fini di prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione impegna l’autonomia e responsabilità del camice bianco e deve far seguito a una...