Bancomat e carta di credito: addio ai costi extra per i pagamenti

Bancomat e carta di credito: addio ai costi extra per i pagamenti

0
Bancomat e carta di credito: addio ai costi extra per i pagamenti

Addio alle maggiorazioni per i pagamenti con bancomat e carta di credito anche per importi esigui. In vigore la direttiva Ue sui servizi di pagamento

È finita l’era dei costi extra per i pagamenti con bancomat e carta di credito. Niente più maggiorazioni per i pagamenti, online e nei negozi, effettuati con carte di debito o di credito. Per i consumatori, quindi, una buona notizia.

Adesso si potrà fare a meno di spiacevoli sorprese relative all’utilizzo delle card negli acquisti su internet. Inoltre, verrà meno la voce “commissioni extra” anche in caso di piccoli o piccolissimi importi tramite il Pos.

La novità riguardante bancomat e carta di credito è prevista dalla direttiva sui servizi di pagamento, recepita dall’Italia con decreto legislativo n. 218/2017 in vigore dal 13 gennaio scorso.

Tale decreto, negli Stati dell’Unione, farà venir meno la pratica di applicare maggiorazioni ai pagamenti con carte di credito, o di debito, prevista quasi ovunque negli acquisti online di viaggi.

Pagare un extra su biglietti aerei, ferroviari, camere d’albergo e simili, infatti, era prassi.

Secondo i calcoli della Commissione europea i consumatori con tale cambiamento riusciranno in totale a risparmiare fino a 500 milioni di euro all’anno.

Il divieto ai costi extra riguarderà sia i pagamenti ‘domestici’, sia i transfrontalieri e abbraccerà il 95% delle operazioni effettuate con carte.

È la medesima direttiva che si pone come obiettivo di migliorare la protezione dei consumatori contro le frodi e altri inconvenienti relativi ai pagamenti.

Una scelta motivata dalla lotta alle transazioni non autorizzate. Infatti, a eccezione dei casi di grave negligenza o di frode da parte del titolare della carta, verrà ridotto da 150 a 50 euro l’ammontare massimo che il consumatore è costretto a pagare nel caso di una transazione di pagamento a suo carico non autorizzata.

Dunque, sarà maggiore la protezione della privacy di chi utilizza il Fintech, grazie al legame tra il conto del cliente e quello del venditore.

Adesso andranno rispettati standard molto rigidi di protezione dei dati finanziari, e dovranno dotarsi di una sicurezza ulteriore per assicurare le transazioni.

Il divieto di costi extra avrà, tuttavia, alcune eccezioni.

In alcuni Stati, infatti, il bando non riguarderà le carte aziendali, American Express o PayPal.

 

 

 

 

 

Leggi anche:

SI ABBASSANO LE COMMISSIONI SUI BANCOMAT: ECCO TUTTE LE NOVITÀ

IL TUO COMMENTO E LA TUA STORIA

Scrivi il tuo commento o raccontaci la tua storia!