Duemila ticket per il pronto soccorso mai pagati, scoperta evasione

Duemila ticket per il pronto soccorso mai pagati, scoperta evasione

0
Duemila ticket per il pronto soccorso mai pagati, scoperta maxi evasione

È stata smascherata dalla Guardia di Finanza una maxi evasione da 130 mila euro riguardante duemila ticket per il pronto soccorso mai pagati

Una importante operazione condotta dai militari del nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza di Brindisi ha portato alla scoperta di duemila ticket per il pronto soccorso mai pagati.

La maxi evasione – che consiste in un totale di 130 mila euro – riguarda il pagamento del ticket da 25 euro. Questi riguardano le prestazioni non urgenti in codice bianco.

La Guardia di Finanza, al termine di accertamenti condotti sulla scorta di alcune segnalazioni, ha verificato l’esistenza di duemila ticket per il pronto soccorso mai pagati, da 25 euro l’uno.

Questi riguardavano prestazioni di pronto soccorso non connotate da gravità o urgenza, i cosiddetti ‘codici bianchi’.

Il mancato introito per il Servizio sanitario è stato quantificato nell’ordine dei 130mila euro.

L’indagine ha riguardato i processi di riscossione dei ticket sanitari per il periodo compreso tra il 2013 al 2016.

A essere coinvolti nella maxi evasioni sono stati i presidi ospedalieri dipendenti dell’intera provincia di Brindisi.

I finanzieri hanno preso in esame circa 8mila prestazioni di pronto soccorso eseguite in regime di codice bianco. Questo viene previsto per i casi che non richiedono un ricovero ospedaliero e per i quali la normativa regionale fissa il pagamento del ticket da parte dell’assistito, salvo esenzioni, di una quota minima pari a 25 euro.

A seguito dell’operazione che ha scoperto l’ammanco di duemila ticket per il pronto soccorso mai pagati, bisognerà ora accertare eventuali responsabilità erariali.

In merito agli ammanchi constatati queste saranno valutate anche dalla Procura regionale della Corte dei conti, informata dell’esito delle indagini.

Attualmente, un protocollo d’intesa tra la Regione Puglia e il comando regionale della guardia di finanza ha già consentito di accertare frodi in materia di spesa sanitaria per circa 10 milioni di euro.

 

 

 

Leggi anche:

ESENZIONE DAL TICKET, FIAMME GIALLE INDIVIDUANO 885 FALSI POVERI

image_pdfSalva in pdfimage_printStampa

IL TUO COMMENTO E LA TUA STORIA

Scrivi il tuo commento o raccontaci la tua storia!