Formazione specialistica post laurea, Anaao: bene aumento delle borse

Formazione specialistica post laurea, Anaao: bene aumento delle borse

formazione specialistica post laurea

Palermo: l’aumento dei contratti di formazione specialistica post laurea rappresenta una buona notizia per il Ssn, ma rimane aperto il problema dell’imbuto formativo

“Una buona notizia per il futuro del SSN. Così il Segretario Nazionale Anaao Assomed Carlo Palermo commenta l’annuncio dell’aumento dei contratti di formazione specialistica post laurea fatto dal Ministro Giulia Grillo. Un incremento che, per il rappresentante sindacale, costituisce “un segno tangibile dell’impegno profuso dal dicastero per risolvere il problema della futura carenza di specialisti”.

“Considerando anche l’aumento delle borse per il corso di formazione dei Medici di Medicina Generale – aggiunge Palermo – per la prima volta avremo un’offerta formativa, circa 10.000 posti tra i due percorsi, superiore al numero dei laureati per l’anno accademico 2018/2019, stimato in circa 9.000”.

L’Anaao sottolinea, tuttavia, come rimanga ancora aperto il problema dell’imbuto formativo, “il limbo in cui vivono sospesi tra rabbia, precarizzazione e voglia di emigrare, i medici che negli anni passati non hanno superato la selezione per entrare in uno dei due percorsi”.

Si tratta di circa 8.000 camici bianchi, numero che rischia di aumentare in modo considerevole nei prossimi anni per il raggiungimento della laurea da parte degli studenti iscritti dai Tar alla Scuola di  Medicina e Chirurgia negli anni accademici 2013/14 e 2014/15”.

“Esistono due vie – ribadisce il Segretario dell’Anaao – per affrontare con razionalità il problema avendo cura anche dell’impegno economico. La prima è il recupero dei contratti non assegnati a vario titolo dal MIUR, seguendo la recente sentenza del Tar Lazio. La seconda è permettere l’assunzione, anche a tempo determinato, degli specializzandi dell’ultimo anno, in caso di carenza di specialisti nei concorsi banditi dalle Aziende sanitarie, passandoli ad un contratto di dirigente in formazione e recuperando i contratti di formazione così svincolati. Sono circa 6.000 per l’anno accademico 2018/2019 e da settembre si aggiungono altri 6.000 per l’anno accademico 2019/20.  Insieme ai neo specialisti formati negli ultimi tre anni – conclude Palermo – rappresentano una platea importante su cui  si può fondare il rinnovamento del nostro SSN senza inseguire le soluzioni tanto fantasiose quanto sterili propugnate in queste settimane dalle Regioni che non riescono a celare l’intento di costruire una sanità low cost”.

 

Leggi anche:

SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE, GRILLO: VIA LIBERA A 8.000 BORSE

image_pdfSalva in pdfimage_printStampa

IL TUO COMMENTO E LA TUA STORIA

Scrivi il tuo commento o raccontaci la tua storia!