Il decreto fiscale: ecco tutto quello che c’è da sapere a riguardo

Il decreto fiscale: ecco tutto quello che c’è da sapere a riguardo

0
decreto fiscale

Sono numerose le novità del decreto fiscale collegato alla manovra: dalla pace fiscale alla rottamazione-ter delle cartelle, ecco cosa occorre sapere

Il decreto fiscale collegato alla manovra di fine anno la cui ultima bozza sta circolando in queste ore prevede moltissime novità.

Si va dallo slittamento della fatturazione elettronica di 6 mesi fino alla pace fiscale. Dalla rottamazione-ter delle cartelle alla lotteria degli scontrini che diventano telematici per tutti dal 2020.

Vediamo insieme le più importanti.

La nuova rottamazione delle cartelle sarà più incisiva. Essa consentirà di pagare i debiti fiscali pendenti sino al 2024. Potrà aderire a tale rottamazione anche chi ha già aderito alla precedente definizione agevolata.

Quanto alla pace fiscale essa sarà possibile per tutte le liti tributarie, di ogni grado e giudizio. Non solo. Per i ruoli notificati fino al 30 settembre 2019 si potrà pagare con lo “sconto”, da un terzo alla metà della contestazione. Tuttavia, precisano dal Governo, per la pace fiscale sarà necessario fare domanda entro maggio e pagare almeno cinque rate trimestrali entro il 2020.

Altra novità del decreto fiscale è il blocco degli aumenti delle accise sulla benzina e i carburanti che sarebbero dovuti scattare dal 2019.

Il decreto fiscale prevede inoltre lo slittamento dell’obbligo della fatturazione elettronica a luglio 2019.

Ciò, tuttavia, varrà solo per i grandi contribuenti, ossia per coloro che registrano un volume d’affari superiore a 400mila euro l’anno, una platea in sostanza di circa 260mila soggetti.

Ancora, è previsto un fondo ristoro per i risparmiatori, espressamente previsto dal provvedimento.

Infine, tra le novità in arrivo, c’è quella della lotteria degli scontrini.

Questa, prevista dalla manovra 2016 e rinviata più volte, scatterà a partire dal 2020. Contestualmente arriva lo scontrino telematico obbligatorio per tutti sempre dal 2020.

 

 Leggi anche:

SE MI SCORDO, IL SERVIZIO DEL FISCO HA GIÀ RICEVUTO 265MILA ISCRIZIONI

image_pdfSalva in pdfimage_printStampa

IL TUO COMMENTO E LA TUA STORIA

Scrivi il tuo commento o raccontaci la tua storia!