Molise, medico rapinato e aggredito nell’ambulatorio del 118

Molise, medico rapinato e aggredito nell’ambulatorio del 118

0
molise

E’ accaduto a Colletorto, in Molise, dove un camice bianco è rimasto vittima di un episodio di violenza durante il suo turno di guardia medica

Un medico in servizio come guardia medica a Colletorto, in Molise, è stato aggredito e rapinato durante il suo turno da un uomo incappucciato. L’episodio si è verificato nella serata di domenica, intorno alle 22.00.

L’aggressore, al momento ancora ignoto, sarebbe entrato nell’ambulatorio del 118 intimando al dottore di dargli tutto ciò che aveva. Non è chiaro se fosse armato. Il professionista, temendo per la propria incolumità, gli avrebbe consegnato una cifra compresa tra i 50 e i 100 euro.  Subito dopo la fuga del ladro il medico ha allertato i carabinieri che hanno avviato l’attività investigativa per rintracciare il malvivente.

Sull’episodio sono intervenuti i Presidenti e i Consigli Direttivi degli Ordini dei Medici delle Province di Campobasso e Isernia, esprimendo piena solidarietà al collega.

“Si tratta, purtroppo, dell’ennesimo episodio di violenza ai danni di operatori sanitari di cui da tempo le cronache riferiscono, specie con riferimento al Sud Italia”. Un fenomeno che – sottolineano i rappresentanti degli OMCeO molisani – “sta assumendo, ormai, carattere di preoccupante serialità anche nella nostra Regione”.

Non sarebbe infatti la prima volta che episodi di aggressione si verificano nelle sedi regionali di Continuità Assistenziale.

“Per questo l’OMCeO di Campobasso ha più volte in passato, ed anche ultimamente, sollecitato gli Organi preposti ad adottare le opportune misure di sicurezza negli ambienti di lavoro, dopo aver puntualmente individuato e segnalato le criticità delle varie sedi dislocate sul territorio”.

Data l’urgenza e la gravità della situazione, gli Ordini provinciali auspicano quindi che venga fissato senza ulteriore ritardo un incontro presso l’Azienda sanitaria regionale. L’obiettivo è “l’individuazione delle soluzioni appropriate” per fare fronte al problema.  Gli Ordini, in caso di persistente inerzia, si riservano di assumere le opportune iniziative a tutela della sicurezza e della dignità degli operatori del Servizio.

 

Leggi anche:

ESCALATION DI AGGRESSIONI A NAPOLI CONTRO I SANITARI, APPELLO SMI

image_pdfSalva in pdfimage_printStampa

IL TUO COMMENTO E LA TUA STORIA

Scrivi il tuo commento o raccontaci la tua storia!