Piano Marshall per la sanità, la proposta FNOMCeO

Piano Marshall per la sanità, la proposta FNOMCeO

0
piano marshall

La Federazione dei medici ritiene necessario un ‘Piano Marshall’ per colmare il gap strutturale e organizzativo del Sud

Un ‘Piano Marshall’ per la sanità, per colmare le disuguaglianze di salute e recuperare il gap strutturale e organizzativo del Sud attraverso finanziamenti ad hoc. Il tutto senza incidere sui bilanci delle Regioni ‘virtuose’ del Nord.

E’ la proposta lanciata dalla Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri, in occasione della convocazione al Tavolo di Confronto permanente aperto dallo scorso novembre con la Conferenza delle Regioni.

Al centro dell’incontro, anche il Patto della Salute, lo sblocco delle trattative per i contratti, la carenza di specialisti e di medici di medicina generale. E ancora: i farmaci innovativi e la gestione dei costi in sanità, la prevenzione della violenza contro gli operatori.

“È stato un confronto proficuo – afferma il presidente FNOMCeO Filippo Anelli -. Sulle autonomie differenziate e sul regionalismo, in particolare, si aprirà all’interno del tavolo un approfondimento, per comprendere le origini dei gap di efficienza tra i diversi modelli organizzativi regionali. Questo consentirà di intervenire applicando i sistemi più efficienti in maniera omogenea sul territorio nazionale, per gestire i fondi in maniera più sostenibile”.

“Ovviamente – prosegue – molte tematiche relative alle disuguaglianze si intersecano con quelle relative al Patto per la Salute, su cui è in corso la trattativa con lo Stato, quindi attenderemo che si trovi l’intesa”.

“Quello che a noi medici interessa è che non siano i cittadini, e neppure il personale sanitario, a fare le spese di anomalie gestionali e carenze organizzative che hanno reso i sistemi meno efficienti in alcune Regioni”.

Per quanto riguarda lo sblocco dei contratti, la FNOMCeO ha auspicato la ripresa di un confronto delle Regioni con i sindacati. Viva soddisfazione invece per l’incontro, già calendarizzato, del responsabile di settore con i medici convenzionati per il rinnovo delle convenzioni.

“Altro argomento urgente è la violenza contro gli operatori sanitari – commenta ancora Anelli -. Il Tavolo stenderà alcune linee guida che individueranno le caratteristiche per la sicurezza delle sedi di Guardia Medica”.

Nell’agenda del prossimo incontro, invece, anche argomenti più tecnici. questi la prescrizione dei farmaci innovativi, che la FNOMCeO chiede da tempo sia aperta anche ai medici di medicina generale, e una revisione dei criteri per i Raggruppamenti omogenei di diagnosi per i pazienti dimessi dagli ospedali.

 

Leggi anche:

RAPPORTO MEDICO PAZIENTE, ANELLI (FNOMCEO): POLITICA RISPETTI SCIENZA

IL TUO COMMENTO E LA TUA STORIA

Scrivi il tuo commento o raccontaci la tua storia!