Impugnazione o errore materiale se il giudice non liquida le spese di...

Impugnazione o errore materiale se il giudice non liquida le spese di lite?

se il giudice non liquida le spese di lite

Le Sezioni Unite della Cassazione spiegheranno, con una sentenza, come procedere se il giudice non liquida le spese di lite.

Con la sentenza n. 21048 dell’11 settembre 2017, la Cassazione ci spiega che non è ancora chiaro come muoversi se il giudice non liquida le spese di lit, nella sentenza. Ci si chiede se questa debba essere impugnata, o si tratta di un mero “errore materiale”. Di fatto, la seconda sezione della Cassazione si è trovata di fronte a un caso giuridico emblematico.

Si trattava di una sentenza della Corte d’Appello di Venezia, in cui era stato omesso di liquidare le spese processuali della lite, in ambedue i gradi di giudizio. In realtà, nella sentenza, era specificato che le spese di lite dovessero seguire le regole della soccombenza. Tuttavia, il giudice, non aveva quantificato il loro ammontare.

Nel dubbio sull’ammissibilità dei motivi d’impugnazione del caso,  la seconda sezione della Cassazione ha rimesso il parere alle Sezioni Unite. Motivando l’atto con la constatazione che, sull’argomento, negli anni, vi erano state pronunce contrastanti.

Orientamenti contrastanti

Infatti, se prima l’orientamento giurisprudenziale prevedeva si potesse risolvere la mancata liquidazione delle spese di lite, con la procedura di “correzione di errore materiale”, in seguito si è affermata una tendenza che  ha ribadito la necessità di “esperire gli ordinari mezzi di impugnazione”.

Tuttavia, tra il 2014 e il 2016, è riaffiorata la tendenza a far valere la necessità di correzione dell’errore materiale. Per tanto, capire come procedere se il giudice non liquida le spese di lite, a parere della seconda sezione della Cassazione, è ancora controverso.

Proprio il carattere processuale della questione, e la frequenza con cui si verifica il problema, implicano la massima rilevanza della questione, con la necessità di offrire una soluzione uniforme. Per tanto, la Corte di Cassazione ha rimesso alle Sezioni Unite il giudizio sul caso.

Si attende, quindi, l’indirizzo interpretativo degli Ermellini, riuniti in Sezioni Unite, che dovrebbe arrivare nei prossimi mesi.

 

Leggi anche

TASSA SUI RIFIUTI PER STUDI PROFESSIONALI, ECCO COSA DICE LA CASSAZIONE

DANNI DA RITARDO NEL CESAREO, ECCO COSA DICE LA CASSAZIONE

 

image_pdfSalva in pdfimage_printStampa

IL TUO COMMENTO E LA TUA STORIA

Scrivi il tuo commento o raccontaci la tua storia!