Fatturazione elettronica per i carburanti: rinvio di sei mesi

Fatturazione elettronica per i carburanti: rinvio di sei mesi

0
Fatturazione elettronica per i carburanti: rinvio di sei mesi

Slittamento di 6 mesi per l’obbligo della fatturazione elettronica riguardante le cessioni di carburanti per motori a trazione e per le forniture di beni e servizi nell’ambito della filiera dei sub appalti della Pa.

Sembra sia pronto il decreto legge che porterà allo slittamento di sei mesi della fatturazione elettronica per i carburanti. Il dl dovrebbe essere varato nel corso del prossimo Consiglio dei Ministri, secondo quanto riportato da Adnkronos.

La fatturazione elettronica per i carburanti – che sarebbe dovuta diventare effettiva dal 1° luglio 2018 – slitterebbe così al 2019.

Questa decisione allineerebbe, dunque, l’obbligo della fatturazione elettronica al 1 gennaio 2019 quando, salvo ripensamenti, diventerà operativo per tutte le operazioni commerciali che comportano l’emissione di fatture, B2B e B2C.

“Stiamo predisponendo il rinvio al primo gennaio 2019 dell’obbligo di fatturazione elettronica per le vendite di carburanti ai soggetti con partita Iva. Questa categoria si è trovata ad essere prescelta per “sperimentare”, in anticipo su tutte le altre, l’entrata in vigore dell’obbligo di fatturazione elettronica”.

Lo ha affermato il Ministro dello Sviluppo Economico e del Lavoro Luigi Di Maio, che ha poi sottolineato la volontà di aprire un tavolo tecnico al Mise con le federazioni dei gestori “per scongiurare lo sciopero annunciato”.

Insieme a questo provvedimento, inoltre, pare arriveranno anche le prime modifiche al Jobs Act.

Queste prevederanno in prima istanza una stretta contro il lavoro a termine e quello somministrato.

Più nello specifico, in merito ai contratti a termine il governo vorrebbe reintrodurre le causali. Queste verrebbero circoscritte a tre fattispecie: ragioni tecnico-produttive, organizzative come nuovi progetti o sostitutive.

Infine, si ipotizza di ridurre da cinque a quattro il numero di proroghe. Lo stesso provvedimento dovrebbe riguardare i contratti di somministrazione.

Inoltre, ci saranno come noto delle importanti norme contro la delocalizzazione delle imprese che hanno ricevuto contributi pubblici.

 

 

Leggi anche:

SCHEDA CARBURANTE, SI PUNTA A UNA PROROGA FINO AL 31 DICEMBRE 2018

SCHEDA CARBURANTE: DAL 1° LUGLIO 2018 NON SI UTILIZZERÀ PIÙ

SPESOMETRO LIGHT, NUOVE REGOLE PER L’INVIO DELLE FATTURE ELETTRONICHE

 

image_pdfSalva in pdfimage_printStampa

IL TUO COMMENTO E LA TUA STORIA

Scrivi il tuo commento o raccontaci la tua storia!