Mille euro agli avvocati con figli all’asilo, il nuovo bando della Cassa...

Mille euro agli avvocati con figli all’asilo, il nuovo bando della Cassa Forense

Mille euro agli avvocati con figli all'asilo

Mille euro agli avvocati con figli all’asilo nido o alla scuola materna, il nuovo bando della Cassa Forense stanzia fino a 2milioni di euro.

Uno dei nuovi bandi della Cassa Forense prevede un contributo di mille euro agli avvocati con figli all’asilo o alla scuola materna. L’iniziativa si inserisce in una serie di interventi previsti nell’ambito del regolamento per il welfare. Il bando è indetto per l’anno 2017 ed erogherà contributi fino allo stanziamento di 2milioni di euro.

Avvocati destinatari del contributo e suo importo

La Cassa Forense destinerà il contributo di mille euro agli avvocati con figli all’asilo nido o scuola materna iscritti nell’anno 2017, sia che la scuola sia pubblica o privata. Bisogna inoltre essere in regola con le comunicazioni reddituali e aver dichiarato un reddito inferiore a 50mila euro.

Il contributo dell’importo di mille euro è erogato in un’unica soluzione e può essere assegnato ad un solo genitore anche se entrambi dovessero presentare la domanda.

I contributi saranno erogati fino all’esaurimento dell’importo previsto dal bando sulla base di una graduatoria. Essa sarà costituita in ordine crescente del reddito imponibile prodotto dal richiedente e di quello dell’altro genitore coniugato non legalmente separato, o convivente calcolato al 50%.

In caso di parità di reddito, hanno precedenza gli iscritti con maggior numero di figli minori ovvero, la minore età anagrafica del richiedente.

Chi ha già beneficiato della provvidenza lo scorso anno, potrà ottenere un contributo ridotto del 50%.

Modalità e termini della domanda

La domanda va presentata entro il 30 novembre 2017 “esclusivamente tramite l’apposita procedura online attivata sul sito internet della Cassa Forense” a pena di inammissibilità. (clicca qui per il modulo di partecipazione al bando).

Alla domanda, il richiedente deve allegare, sempre con modalità telematica i documenti richiesti (certificato della struttura educativa attestante l’iscrizione del figlio all’asilo nido o alla scuola materna per l’anno 2017; certificato di nascita/adozione/affidamento preadottivo del figlio o anche autocertificazione; ecc.).

 

Leggi anche

CONTRIBUTO INTEGRATIVO MINIMO, LA CASSA FORENSE LO ABOLISCE PER 5 ANNI

CASSA FORENSE, ROTTAMAZIONE DEI DEBITI ANCHE PER GLI AVVOCATI

 

image_pdfSalva in pdfimage_printStampa

IL TUO COMMENTO E LA TUA STORIA

Scrivi il tuo commento o raccontaci la tua storia!