Ozonoterapia elettroporetica, una nuova frontiera per la fisioterapia

Ozonoterapia elettroporetica, una nuova frontiera per la fisioterapia

ozonoterapia

Con l’ ozonoterapia per elettroporazione i cicli di fisioterapia saranno sempre più brevi e lasceranno più spazio alla educazione e alla prevenzione dei buoni stili di vita

Ultimamente si sente molto parlare di ozonoterapia, acido ialuronico e staminali. Spesso vengono presentati come rimedi “magici” e quindi… costosissimi.

In realtà secondo le più semplici leggi di mercato, quando l’offerta è scarsa e la domanda molta, il costo ovviamente aumenta. Infatti questi non sono rimedi rivoluzionari e fantascientifici per cui sia considerabile giusto sborsare fior fior di quattrini. In realtà sono cure utilissime per alcune patologie e assolutamente inutili per molte altre.

Ti starai chiedendo: ma la fisioterapia in tutto questo che cosa c’entra?

Ci arrivo immediatamente. Qualche giorno fa ho acquistato un moderno macchinario portatile molto simile ad una tecar ma con qualcosa in più. Questo strumento riesce a far “entrare nel sottocute sostanze medicamentose”. L’azienda produttrice ha anche brevettato due sostanze a base di acido ialuronico e di ozono. Oltre a queste, tutta una vasta gamma di prodotti a base naturale di tipo antiinfiammatorio, miorilassante antiedemigeno e via così. La cosa interessante è che io ho provato qualche prodotto e ho ottenuto dei risultati davvero stupefacenti.

Il costo di ogni trattamento è identico a quello di una normalissima seduta di fisioterapia.

Non ho testato però né lo ialuronico né tantomeno l’ozono, ma il principio di funzionamento è davvero semplice. Il macchinario dapprima emette una radiofrequenza che aumenta il normale processo di rigenerazione cellulare, poi attraverso una differente forma d’onda, permette ai pori cutanei di “aprirsi” e far penetrare all’interno le sostanze. Queste corrono lungo lo spazio interstiziale e si distribuiscono nei tessuti per capillarità.

Un esempio molto più semplice: hai presente un pezzo di scottex? Ecco, poniamo che questo sia la nostra pelle ad esempio. Ora bagnane un angolo e ti renderai conto che in poco tempo l’alone di umido che si trova sull’angolo dello scottex, piano piano si espande.

Diciamo che se questo avviene anche con l’ozono e con l’acido ialuronico allora i nostri tessuti avranno davvero da gioire a ogni trattamento. Infatti queste due sostanze sono riconosciute come essere dei veri e propri ringiovanenti cellulari.

Sembra fantascienza, lo so. In realtà è tutto vero, anche perché l’azienda Italiana (e ci tengo a precisarlo) che ha brevettato questi processi ha molti studi e riconoscimenti internazionali che dimostrano che questa è già realtà!

L’ ozonoterapia per elettroporazione quindi rappresenta davvero il futuro alla portata di tutti. In questo modo i cicli di fisioterapia saranno sempre più brevi e lasceranno più spazio alla educazione e alla prevenzione dei buoni stili di vita.

Dr. Paolo Scannavini

pscannavini@gmail.com

Fisioterapista e Kinesiologo

Responsabile Fisiolistic

Mysa trainer

PNL Pratictioner

Consulente Wellness per Aziende

Leggi anche:

FISIOTERAPIA OLISTICA, CURARSI DA SOLI FAVORISCE L’AUTOSTIMA

 

image_pdfSalva in pdfimage_printStampa

IL TUO COMMENTO E LA TUA STORIA

Scrivi il tuo commento o raccontaci la tua storia!