Perforazione intestinale in seguito a una endoscopia, presentato esposto

Perforazione intestinale in seguito a una endoscopia, presentato esposto

0

La Procura di Grosseto ha aperto un’inchiesta per lesioni personali colpose dopo la denuncia presentata da un 41enne rimasto vittima di una perforazione intestinale

Si era sottoposto a una endoscopia all’ospedale di Grosseto per una sospetta malattia infiammatoria cronica intestinale. Quell’esame, però, per un uomo di 41 anni ha rappresentato l’inizio di un calvario caratterizzato da una perforazione intestinale.
Secondo quanto ricostruito dal quotidiano La Nazione, a poche ore di distanza dall’esame, il paziente si era ripresentato in reparto accusando forti dolori addominali. I medici avevano quindi effettuato una ecografia sospettando uno pneumoperitoneo.
L’accertamento però avrebbe dato esito negativo e il personale sanitario si sarebbe limitato a prescrivergli dei farmaci. I dolori, tuttavia, non erano cessati. Anzi, con il passare delle ore il 41enne aveva avvertito spasmi sempre più acuti, che lo avevano costretto a letto.

Dopo tre giorni era tornato nuovamente in ospedale.

In quella circostanza, gli esami condotti in Pronto soccorso avevano evidenziato, in base a quanto riportato nel referto, “una perforazione intestinale in recente esame colonscopico e biopsia diagnostica”.
Da lì l’esposto presentato in Procura che ha portato all’apertura di un’inchiesta per lesioni personali colpose nei confronti degli operatori che hanno effettuato l’endoscopia e la successiva biopsia.
L’uomo, come riferisce La Nazione, lamenta di essere stato costretto a ridurre la sua vita sociale. Dopo l’intervento, in base a quanto denunciato, non sarebbe più uscito di casa. Inoltre  non sarebbe riuscito a nutrirsi in modo corretto, con un forte dimagrimento di cui ancora oggi starebbe subendo le conseguenze. Per curarsi, peraltro, sarebbe stato costretto a interrompere la sua attività lavorativa.
Spetterà ora dunque alla Procura disporre i dovuti accertamenti per valutare la sussistenza di eventuali responsabilità sanitarie. Le indagini, in particolare, saranno volte a verificare l’esistenza di un nesso tra l’operato del personale medico e la perforazione intestinale.
 
Credi di essere vittima di un caso di errore medico? Scrivi per una consulenza gratuita a medicolegale12@gmail.com o invia un sms, anche vocale, al numero WhatsApp 3927945623
 
Leggi anche:
MORTO DOPO UNA GASTRECTOMIA, APERTO UN FASCICOLO CONTRO IGNOTI

image_pdfSalva in pdfimage_printStampa

IL TUO COMMENTO E LA TUA STORIA

Scrivi il tuo commento o raccontaci la tua storia!